Questa pagine descrive il problema, poco comune ma reale, dell'anorgasmia maschile, cioè la difficoltà dell'uomo di arrivare all'orgasmo attraverso tecniche usuali di stimolazione.

migliaia di utenti soddisfatti




migliaia di utenti soddisfatti

 

L'anorgasmia maschile o la frigidità maschile è un problema piuttosto raro, ma esiste. È molto simile alla frigidità femminile, nel senso che l'uomo, durante un rapporto sessuale non riesce a sentire sufficentemente piacere da poter raggiungere l'orgasmo, oppure malgrado il fatto che senta piacere ha difficoltà a raggiungerlo. Sono frequenti anche casi intermediari. Cioè che l'uomo riesce a raggiungere l'orgasmo soltanto in determinate posizioni o con una determinata stimolazione. Ad esempio è possibile che l'uomo ragginga l'orgasmo nella posizione del missionario, ma non ci riesca con la donna sopra, oppure è possibile che non riesca a raggingere l'orgasmo tramite il sesso orale, ma ci riesca con la stimolazione manuale. Queste situazioni intermedie non costituiscono in sè un problema, anzi sono quasi normali, più grave è quando non è possibile arrivarci in nessun modo. L'ideale sarebbe comunque sempre poter controllare i propri amplessi senza essere limitati da posizioni o stimolazioni particolari.

L'anorgasmia maschile ha molte sfumature ma è comunque un problema che va analizzato. Naturalmente le cause alla base del problema non sono le stesse di quella femminile. In alcuni casi è possibile che il glande non sia abbastanza sensibile, ma non è la norma, nella maggior parte dei casi il problema non dipende dalla sensibilità, ma semplicemente dal vissuto sessuale, cioè dalle abitudini sessuali.

È risaputo che la maggior parte degli uomini si masturbano intensamente prima di avere il loro primo rapporto sessuale con un'altra persona. Molti di questi problemi sono dovuti a cattive abitudini di masturbazione. È sufficiente che un uomo sia abituato a raggiungere l'orgasmo soltanto in certi determinati modi e ci riuscirà soltanto così anche in presenza di una partner. Questo succede frequentemente quando ci masturbiamo in modo spasmodico, in determinate posizioni, per esempio in modo arcaico.

La masturbazione arcaica è un tipo di masturbazione che non risponde al normale sfregamento del pene. Alcune persone si masturbano e si abituano a raggiungere l'orgasmo appoggiandosi a oggetti duri e strofinandosi contro questi oggetti. Altri uomini si abituano a masturbarsi sbattendo il pene contro il tavolo, contro la porta o contro qualsiasi altro oggetto, altri ancora lo fanno normalmente ma raggiungono l'orgasmo soltanto sfregando il glande con il prepuzio ritirato al massimo. L'immaginazione sessuale non ha limiti e ci sono moltissimi tipi di masturbazione arcaica, una masturbazione che non darebbe nessun risultato a un uomo normale, ma che è tuttavia corrisponde a l'unico modo di arrivare all'eiaculazione per chi da anni l'ha adottata, magari per caso, e si è abituato a raggiungere l'orgasmo solo in quel modo.

Ovviamente quando arriva il momento di stare con una donna, molte di queste masturbazioni arcaiche vanno in contraddizione con la normale stimolazione del pene e l'uomo non è in grado di soddisfarsi mediante una penetrazione normale o mediante una stimolazione che può venire per via manuale od orale. Si tratta dunque di una sessualità deviata, di un vissuto sessuale deformato.

L'unica soluzione a questo problema consiste nell'rieducazione. Cioè abituandosi poco a poco a ricevere stimolazioni convenzionali, educando poco a poco il proprio vissuto sessuale in modo da poter trarre soddisfazione dai rapporti sessuali convenzionali. Questo problema può causare delle incomprensioni di coppia. Se state con una partner è necessario che questa conosca il problema e sia disposta a cooperare per una sua soluzione.

Non esistono esercizi diretti per risolvere questo problema. La cosa più importante è che dovrete abbandonare il vostro vecchio modo di raggiungere l'orgasmo, modificando progressivamente il vostro vissuto sessuale in modo che abbia una risposta adeguata. Anche se all'inizio non sentirete nulla, poco a poco vi abituerete. L'importante è ridurre al massimo il vecchio metodo fino ad arrivare ad abbandonarlo completamente. Non è cosa facile e a volte ci vogliono mesi, forse anche anni per cambiare un'abitudine sessuale sviata ma radicata.

Naturalmente per aiutarvi a cambiare cattive abitudini di masturbazione, dovete anche imparare a rilassarvi, respirando ogni volta che riceverete qualsiasi stimolazione corretta e raggiungere l'orgasmo riducendo le tensioni e le compensazioni muscolari al minimo possibile.

Fisicamente parlando, molto spesso l'anorgasmia maschile è dovuta a un corpo spugnoso che non si indirisce adeguatamente durante l'erezione, specialmente parlando della tonaca muscolare che riveste l'uretra e che, durante i rapporti sessuali, dovrebbe gonfiarsi per facilitare il passaggio dello sperma al momento dell'eiaculazione. Evidentemente le cattive abitudini di masturbazione non hanno favorito l'adeguato sviluppo di queste strutture e si ipotizza che questa sia una delle cause principali della difficoltà ad arrivare al punto di non ritorno e quindi all'eiaculazione. Le compensazioni muscolari hanno anch'esse una grande responsabilità, perché hanno un ruolo predominante non solo nel compensare queste manichevolezze muscolari, ma anche nel conciliare le nostre abitudini fisiche e mentali al momento di raggiungere l'orgasmo. Per questo il rilassamento, la costanza e la progressiva rimozione di questo vissuto sessuale sbagliato sono così importanti e sono l'unica chiave che porta al successo.